Questo sito utilizza i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione sul sito. Continuando a navigare accetti l’utilizzo dei cookies. Scopri di più

x
DESTINAZIONE
DAL
AL
PAROLA CHIAVE

Se non hai ancora un account su esitur.com usa questa opzione per accedere al modulo di registrazione REGISTRATI
close
viaggi organizzati in provincia di macerata nelle marche

Una passeggiata tra Recanati e Camerino

viaggi organizzati in provincia di macerata nelle marche

Una passeggiata tra Recanati e Camerino

PROGRAMMA

Un viaggio organizzato nelle Marche, una regione che gode di una pluralità invidiabile, dove le bellezze naturalistiche accolgono borghi ricchi di tradizioni, veri e propri custodi di piccoli centri abitati in scenari da favola.

 

Come abbiamo già detto, le Marche godono di una pluralità invidiabile, dove le bellezze naturalistiche accolgono benevole borghi ricchi di tradizioni e perciò non potevamo non parlare delle terre maceratesi, vere e proprie custodi di piccoli centri abitati in scenari da favola.


Macerata citta tour organizzatoMa ripartiamo da dove ci eravamo fermati e quindi dalla zona della Riviera del Conero e dei Colli dell’Infinito. Non è difficile capire il motivo per cui si chiamano in questo modo poiché queste dolci colline che degradano fino al mare sono state la fonte di ispirazione di uno dei più grandi poeti della letteratura italiana: Giacomo Leopardi.

Il suo luogo natale, Recanati, è una vera delizia per gli occhi, non solo per la vista che da qui si gode grazie alla sua posizione privilegiata, ma anche grazie ai luoghi che si riconducono alle opere leopardiane come la Piazzetta Sabato del Villaggio, su cui si affaccia il maestoso Palazzo Leopardi, il Colle dell’Infinito, ovverosia la sommità del Monte Tabor, e la Torre del Passero Solitario che si colloca nel complesso di Sant’Agostino.

Concedetevi una visita alla casa natale di Giacomo Leopardi, resterete affascinati dalla moltitudine di libri custoditi nella biblioteca di famiglia.ì

 

Altro grande personaggio illustre della città è Beniamino Gigli, noto cantante lirico della prima metà del Novecento.

 


Macerata sferisterio viaggi organizzati marcheLasciamo la poetica Recanati, per dirigerci verso la città che fa da capoluogo della provincia, ovvero Macerata, ma sulla strada ci concediamo una breve sosta in due paesi vicini Montecassiano, il cui borgo medioevale è davvero una perla e rientra tra i Borghi più Belli di Italia, e Appignano, famosa per la sua produzione di ceramiche e mobili.


Ma riprendiamo la strada per la nostra meta: Macerata.

 

Una volta arrivati a qui, la città si presenta come una miscellanea di anime diverse: è tranquilla, poiché accoccolata sulle colline; è antica, perché custodisce una delle prime università fondate al mondo; è giovane, poichè da secoli frequentata da giovani che qui arrivano per accrescere le loro conoscenze, e qui mi ci ritrovo anche io!      

Il centro storico si costituisce di un dedalo di strade acciottolate che conducono alla piazza centrale della città, Piazza della Libertà in cui si affaccia il Teatro Lauro Rossi e la Torre Civica sulla quale si può ammirare l’orologio astronomico, unico al mondo poiché lì vi sono rappresentate le fasi lunari e il movimento dei pianeti.

Non perdetevi il carosello dei Re Magi alle ore 12 e alle 18, una vera e propria chicca.

Oltre alla Torre, in città sono importanti il Palazzo Buonaccorsi, eretto nel Settecento e la magnifica Arena Sferisterio, un teatro all’aperto la cui acustica è apprezzata da cantanti e direttori d’orchestra, e, non a caso, ogni anno ospita una delle stagioni liriche più apprezzate della regione. Ricordiamo che questa città diede i natali al gesuita Padre Matteo Ricci, uno dei più importanti missionari occidentali che la Cina abbia avuto. Non lasciate Macerata senza prima aver provato i vincisgrassi, una sorta di lasagne al forno rustiche e molto saporite, il vero vanto della cucina della zona.


Da Macerata ci spostiamo ancora verso l’entroterra e più precisamente verso l’Abbazia di Chiaravalle di Fiastra, fondata dai monaci cistercensi nel XII secolo e incastonata nel bel mezzo di una Riserva Naturale ricca di flora e fauna, dove i marchigiani amano trascorrere giornate in tranquillità. Non troppo lontano da qui non lasciatevi scappare una visita al parco archeologico più esteso delle Marche, quello di Urbisaglia, il quale conserva gli antichi resti della città romana di  Urbs Salvia, fondata nel II secolo a.C. dai romani.
Da Urbisaglia cominciate la vostra ascesa agli Appennini, che in questa zona prendono il nome di Monti Sibillini e proprio qui, tra borghi accolti dalle montagne, si conservano forse i prodotti gastronomici più rinomati delle Marche; tipici della zona sono infatti un insaccato a pasta morbida chiamato ciauscolo, i prodotti lattiero caseari creati dalle esperte mani dei vari allevatori di ovini e un liquore all’anice molto amato e la cui ricetta è ancora un segreto custodito dalle signore della famiglia Varnelli.  

A ridosso delle montagne, i luoghi che vanno visitati sono numerosi come ad esempio Tolentino, al centro della vallata del fiume Chienti.  Per gli appassionati di arte questa città è una tappa obbligatoria e questo perché la Basilica di San Nicola e il suo chiostro agostiniano risalente al XIV secolo conservano ancora il loro antico splendore. All’interno della Basilica potrete ammirare il “Cappellone di San Nicola”, la cui sala è famosa per la sua imponente decorazione pittorica molto ben conservata. Passeggiare nel centro storico vi condurrà indietro nel tempo e avrete anche l’occasione di visitare alcuni musei, come quello delle Ceramiche e quello della Caricatura e dell’Umorismo; non dimenticate di fare un salto anche al Castello della Rancia, ricostruito nel XIV sui resti di un antico granaio cistercense. Oggi la struttura si presenta di forma quadrangolare, cinta da poderose mura, rafforzate da tre torri.

Camerino chiesa viaggi marcheContinuiamo poi con la cittadina di Camerino, famosa soprattutto per la sua università fondata in epoca medievale e per la Basilica di San Venanzio, preziosa testimonianza di architettura tardo-gotica. La città è stata tristemente ferita dalle scosse del 2016 e molti dei suoi tesori oggi restano chiusi al pubblico, ma ci auguriamo di poter tornare ad ammirarli, non solo qui, ma anche nei tanti borghi vittime di quei tragici eventi che ci fanno ancora riempire gli occhi di lacrime al solo pensiero.


La zona dei Monti Sibillini molto si presta alle escursioni e a lunghe passeggiate, e se vorrete rendere il vostro percorso più “naturalistico”, potrete scoprire il lago di Fiastra, dal quale partono numerosi percorsi che permettono la perlustrazione della zona. Il mio preferito e quello di molti è un sentiero che vi permetterà di godere di un paesaggio molto vario: lunghi tratti ricchi di una fitta vegetazione e scorci sul lago, fino ad arrivare ad un sito che tutto sembra tranne che terrestre, quasi marziano visto il colore rossastro, eccovi quindi davanti al Gran Canyon delle Marche, le Lame Rosse, una serie di formazioni a forma di pinnacoli e torri che molto somigliano al più famoso complesso dell’Arizona.

 


La nostra visita nella provincia di Macerata si conclude qui, ma tanti altri sarebbero i borghi che meritano una visita: pensiamo quindi a Cingoli, anche chiamato “Il Balcone delle Marche” per la vista che gode su tutta la zona e che nelle giornate terse permette di vedere fino al mare, ottimi sono anche i biscotti chiamati cavallucci che qui vengono prodotti; San Ginesio uno dei Borghi più Belli d’Italia il cui centro storico conserva delle possenti mura medioevali, munite di torrioni, baluardi e porte castellane; Serrapetrona, rinomata per il suo spumante, la Vernaccia; Montelupone e Potenza Picena che con i loro borghi arroccati sulle colline permettono una vista incredibile sulla campagna e sul mare Adriatico. Non lasciate queste terre prima di andare nelle varie località costiere della provincia per rilassarvi al sole o per godere delle numerose specialità di pesce – anche qui troverete il famoso brodetto, perché ogni provincia ne ha la sua versione e cerca di primeggiare sulle altre.


Il viaggio continua...

 



25
Minimo partecipanti
Confermato
Stato del viaggio

Iscrizione al viaggio

Richiesta informazioni


Se non hai ancora un account su esitur.com usa questa opzione per accedere al modulo di registrazione REGISTRATI
close

Se non hai ancora un account su esitur.com usa questa opzione per accedere al modulo di registrazione REGISTRATI
close